Recensione di Rebecca: Il film di Armie Hammer ti lascerà completamente indifferente e indifferente

L'unica cosa che risalta è l'atmosfera che Rebecca riesce a creare di tanto in tanto. Anche in questo, il film è più coinvolgente nei suoi primi minuti nel soleggiato sud della Francia, piuttosto che nell'imponente desolazione di Manderley, che è il luogo in cui accade tutto ciò che è importante.











Valutazione:1fuori da5 Rebecca

Un fotogramma di Rebecca, ora in streaming su Netflix. (Foto: KERRY BROWN/NETFLIX)

Cast del film Rebecca: Armie Hammer, Lily James, Kristin Scott Thomas
Regia di Rebecca: Ben Wheatley
Valutazione del film Rebecca: Una stella



Ho appena finito di guardare Rebecca, quello in cui Armie Hammer e Lily James interpretano il signor e la signora De Winter, e vado a Manderley, proprio come hanno fatto nel romanzo del 1935 di Daphne du Maurier e nell'omonimo film di Alfred Hitchcock del 1940 . Come vorrei che non lo facessero. Quest'ultima versione non è in alcun modo paragonabile a nessuno dei due, facendosi beffe di uno dei migliori romanzi horror gotici mai scritti. Non perché sia ​​orribile; sarebbe stato qualcosa, ma perché ti lascia completamente freddo e impassibile.

scarlett johansson iron man 2

Con un materiale di partenza così ricco ed evocativo, immagineresti che sarebbe la cosa più semplice tradurlo sullo schermo, e non c'è niente di male nel rispolverare i classici per presentarli alla nuova generazione di spettatori. Mentre ascolti il ​​personaggio di Lily James che dice 'La scorsa notte, ho sognato di essere andato di nuovo a Manderley', sei preparato per la familiare pelle d'oca con cui hai risposto all'inquietante frase di apertura. Ma non una volta nel film, mi dispiace dirlo, senti un brivido scorrere sulle tue scapole.





Quando incontri per la prima volta James, lei è in un resort di lusso a Monaco, compagna rispettosa di un'orribile e prepotente vedova. In qualche modo la giovane donna senza pretese riesce ad attirare l'attenzione del dispettoso Maxim de Winter (Hammer), che ozia sulla terrazza soleggiata, vestito con un completo color senape. I due sono travolti da una languida storia d'amore, e prima che ce ne rendiamo conto, lei sta andando a casa con lui, in una delle dimore più maestose della Cornovaglia. Dove incontra la formidabile signora Danvers (Thomas), che domina su una falange di personale in livrea e su tutto ciò che accade, a Manderley.

andrew garfield è gay?

Ben presto, la nuova signora de Winter (non sappiamo mai il suo nome, proprio come non lo sapevamo nel romanzo), apprende che in ogni angolo oscuro di Manderley, ci sono ricordi di Rebecca, la prima signora de Winter. Alcuni oggetti tangibili (statuine di porcellana che Rebecca amava, sparse sulla sua scrivania); alcuni negli elementi che visitano negli incubi della nuova sposa (un'ombra misteriosa che si annida nei corridoi); e nell'oscurità che solca la fronte di suo marito, mentre si rifiuta risolutamente di parlare della sua prima moglie e di come è morta.

L'unica cosa che risalta è l'atmosfera che il film riesce a creare di tanto in tanto. Anche in questo, il film è più coinvolgente nei suoi primi minuti nel soleggiato sud della Francia, piuttosto che nell'imponente desolazione di Manderley, che è il luogo in cui accade tutto ciò che è importante. James è adeguato, ma non è mai in grado di incanalare il terrore agghiacciante che ha pervaso il romanzo, o anche l'austerità in bianco e nero del film di Hitchcock, con Laurence Olivier e Joan Fontaine. Il bel martello pulito e bello è tutto sbagliato per Maxim de Winter: quando dice al timido compagno: 'Voglio sposarti, piccolo sciocco', suona sbagliato. L'unico che interiorizza l'atmosfera del periodo ed è adeguatamente minaccioso è Thomas, vestito di nero, la sua bocca un taglio di scarlatto, ma nemmeno lei può salvare il film.



Articoli Più






Categoria

  • Podcast
  • Netflix
  • Nazione Dal Vivo
  • Charli Xcx
  • Playlist
  • Alessia Cara

  • Messaggi Popolari