Recensione del film: 'Sholay 3D', film da vedere questo fine settimana, senza se, senza ma

Puoi dividere il cinema hindi in due epoche, pre e post ??Sholay??. È un punto di riferimento.

Lancio : Sanjeev Kumar, Dharmendra, Hema Malini, Amitabh Bachchan, Jaya Bhaduri, Amjad Khan, AK Hangal, Asrani, Jagdeep, Leela Mishra, Viju Khote, MacMohan





direttore : Ramesh Sippy

Questa non è una recensione. Questo è il motivo per cui penso che 'Sholay', ripubblicato in una versione 3D, debba essere il tuo film preferito questo fine settimana, senza se, senza ma. E questo perché,'Bharat desh ke vaasiyon??,??Sholay?? è il più grande intrattenitore 'masala' hindi mai realizzato, 3D, 2D o no D.



Per coloro che l'hanno visto quando è uscito (75), è un aggiornamento scoppiettante, e per coloro che hanno visto solo repliche in televisione, questa è la tua occasione per provare un vero schermo panoramico panoramico e quanto è avvincente una storia e quanto può essere memorabile ogni singolo personaggio. Come possono sommarsi canzoni e balli, e quanto è meraviglioso anticipare i dialoghi?? oh quei dialoghi da classifica confezionati in 'cassette?' che ha venduto vivacemente per anni dopo? e li bocca insieme ai personaggi. Fondamentalmente, perché ??Sholay?? è tutto ciò che è rotto fino a essere.

L'ho visto ieri in 3D, completamente pronto a lamentarmi e lamentarmi di come mi ha rovinato il film. Ma niente ha tolto la mia visione; Ho anche apprezzato alcuni dei campanelli e dei fischietti 3D, nonostante lo schermo oscurato. E ovviamente ho barato, togliendomi quegli occhiali ogni pochi minuti e riprendendolo come doveva essere.

Migliori amici e ladruncoli Veeru (Dharmendra) e Jai (Amitabh) che rotolano in quel ridicolo scooter a due posti,l'incontro con Thakur Baldev Singh (Sanjeev Kumar) in treno,quel veloce 'daku??- scena di inseguimento, il 'paan-chewing?? Soorma Bhopali (Jagdeep),l'angrezon ke zamaane ka jailor?? ( Asrani), il pittoresco 'gaon? Ramgarh e i suoi residenti, il chiacchierone 'taangewaali?? Basanti (Hema),il minuscolo Radha dagli occhi tristi (Jaya) e il torvo e vendicativo 'thakur??.



E Gabbar Singh, che merita un intero paragrafo per sé. Il cattivo di Sholay è il cattivo più duraturo, temibile e carismatico del cinema hindi, senza rivali. La leggenda narra che Bachchan volesse interpretare questo ruolo, ma è andato al debuttante Amjad Khan. Senza il suo eccezionale Gabbar, vestito in tuta verde oliva, denti marci e stivali che tintinnano, e la sua inimitabile consegna, il film non sarebbe stato quello che è stato.

Molti anni dopo averlo visto per la prima volta, ho scoperto in un vero spaghetti western un paio di scene che sembravano completamente trapiantate su ??Sholay??. Il paesaggio sonoro, con il caratteristico lamento da pelle d'oca, era molto Sergio Leone. Village Ramgarh sembrava modellato come un avamposto western di Hollywood. Ma il modo in cui il regista Ramesh Sippy, gli sceneggiatori Salim-Javed, il direttore della fotografia Dwarka Diwecha e il direttore musicale R D Burman hanno realizzato questo film, quelle due scene imitative erano così meravigliosamente intrecciate nel tessuto del film che sentivi che ne facevano sempre parte. I dacoit della vita reale nei loro dhoti-kurtas, dopo il 1975, devono aver maledetto Gabbar per aver impresso per sempre l'impronta del suo guardaroba su di loro, oltre a chiedersi dove avrebbero potuto trovare un falò e la regina degli oggetti Helen e il coloratissimo Jalal Agha che urlava fino a Mehbooba, Mehbooba.

??Ooo,ooo,ooo??. 'Kitnay Admi Thay??? 'Poveri pachaas hajaar,sarkaar??. 'Tumhara naam kya hai, Basanti??? ‘Yun toh hamein zyaada baat karne ki aadat nahin hai??. 'Budhiya jail mein chakki piscia e piscia??. 'Itna sannaata kyon hai, bhai??? I dialoghi, e ce ne sono molti altri, sono iconici e si sono infiltrati nella nostra cultura pop. La lugubre melodia dell'armonica a bocca e il crescente, silenzioso fumo tra Amitabh e Jaya, l'equazione più terrena tra Dharmendra e Hema, il cameratismo tra i due protagonisti maschili vestiti di jeans, e quanto bene cavalcavano (ne abbiamo visti molti altri film, in particolare ??Chupke Chupke??), il tragico retroscena del 'thakur??, e tutto il gioco delle armi che ha ancora il potere di emozionare, quasi 40 anni dopo.



Ho trovato i pezzi della lunga sequenza della prigione noiosi, come avevo fatto prima, e un flashback che coinvolgeva Jaya saggiamente tirato fuori nel momento in cui è uscito per la prima volta, mi ha fatto sussultare questa volta. Ma solo per quel momento, perché sono stato di nuovo coinvolto dal resto, e di nuovo affascinato. Sembra sorprendentemente non datato e fresco.



Puoi dividere il cinema hindi in due epoche, pre e post ??Sholay??. È un punto di riferimento. Non li fanno più così.

shubhra.gupta@expressindian.com

Articoli Più

Il Tuo Oroscopo Per Domani
















Categoria


Messaggi Popolari